Make your own free website on Tripod.com
Introduction

Kodomo no Omocha (letteralmente traducibile con "un gioco da bambini") nasce come manga dalla fervida immaginazione di Miho Obana. La mangaka, chiaramente ispiratasi nel design dei personaggi a Marmolade Boy, e' pero' riuscita a creare un'opera molto diversa da quella di Wataru Yoshizumi, molto piu' spensierata e divertente, ma non per questo meno profonda. Serializzato sulle pagine di Ribbon Mascot Comics, Kodomo no Omocha e' stato anche raccolto in dieci volumetti a cui ne ha poi fatto seguito uno speciale che vede gli stessi personaggi impiegati in una trama differente e con rapporti differenti. Considerato il successo del manga, ne e' stata fatta una versione animata (di cui appunto vi sto parlando) in 102 episodi siddivisi in piu' serie. La versione animata e' abbastanza fedele al manga, ma se ne discosta di tanto per aggiungere qualche elemento in piu' che rendono l'opera molto interessante anche a chi conosce gia' perfettamente il fumetto. La trama si svolge attorno a due personaggi principali: Sana Kurata e Akito Hayama. Sana Kurata e' la protagonista della vicenda: abbandonata dalla sua vera madre, Keiko Sakai, ora la ragazza vive insieme a Misako Kurata, sua madre adottiva, attualmente separata da suo marito. Insieme a loro vivono anche Rei Sagami, che Sana ha portato via dalla strada dopoche, a causa di una delusione amorosa, aveva perso tutto, e che ora le fa da guardia del corpo, manager, autista e qualunque altra cosa nelle sue possibilita', e la domestica. Sana ha intrapreso, su consiglio della madre, la carriera di attrice gia' cosi' giovane, e con molto successo. Lavora ogni giorno a un programma televisivo (Kodomo no Omocha, appunto) e a Magical Angel Sana e viene spesso richiesta per moltissime pubblicita'. Akito Hayama e' un ragazzo nella stessa classe di Sana che ha una situazione familiare molto diversa rispetto a quella della ragazza, e sicuramente molto piu' triste. Quando e' nato, infatti, la madre non e' riuscita a superare il dolore del parto, ed e' morta. Sua sorella sorella Natsumi lo ritiene completamente responsabile della morte della madre, e non perde occasione per rinfacciargli che se adesso loro si trovano nei gaui e' unicamente colpa sua, inoltre anche suo padre Fuyuki lo ritiene responsabile, ma almeno non glielo rinfaccia. Affranto da questa situazione, Akito non puo' far altro che sfogare i suoi sentimenti a scuola, diventando il "capo dei teppisti" della sua classe. Lo scontro tra i due ragazzi e' inevitabile: Sana vorrebbe poter studiare in classe, ma Akito lo rende assolutamente impossibile, e cosi' la ragazzina, elettasi "capo delle studentesse", inizia una vera e propria guerra per la supremazia nella classe che portera' i due a diventare amici e poi fidanzati. Ed e' qui che l'opera da' il meglio di se': creando continui e nuovi triangoli amorosi, la faccenda sentimentale tra i personaggi si complica, soprattutto quando entrano in scena due nuovi personaggi, Naozumi e Fuka. Akito diventa acerrimo rivale di Naozumi per la conquista del cuore di Sana, e Sana diventa la rivale di Fuka per conquistare Akito. Non bisogna poi dimenticare che Sana ama moltissimo Rei, che pero' e' innamorato di Asako, inoltre anche Tsuyoshi ama per un certo periodo Sana, per poi "tradirla" con Aya.
Incuriositi? A voi il piacere di scoprire l'epilogo di questo intricatissimo (e divertentissimo) shojo.

Back to Home

Sana, la nostra beniamina

Akito con suo padre e sua sorella

La celeberrima scena del bacio

Stessa scena, altra angolazione


KODOMO no OMOCHA - Introduction